ApProccio integrato di Rete per l'Innovazione nelle Metodologie di diAgnostica e inteRvento sul paTrimonio artistico e architEttonico

Siamo lieti di annunciare che è disponibile online il materiale didattico del corso di formazione.
Le modalità e credenziali di accesso per scaricare le presentazioni messe a disposizione dagli insegnanti sono state inviate tramite email ai partecipanti al corso.

desk YELLOW GREEN PURPLE

L'idea progettuale

PRIMARTE si pone come un "progetto pilota" di trasferimento tecnologico da Organi di Ricerca a Piccole e Medie Imprese e utenti finali lungo una stessa filiera produttiva, mirando all’introduzione di contenuti high-tech nella diagnostica, restauro e documentazione del patrimonio culturale, ma anche all’alta formazione e all’offerta di servizi interattivi avanzati.

Esso persegue una strategia di sviluppo interdisciplinare, coinvolgendo nel progetto competenze diverse e complementari (PMI di diagnostica, restauro, di prodotti, di multimedialità e OR). Sulla base di una stretta collaborazione e l’impiego di nuove metodologie, intende veicolare un messaggio di innovazione nella conservazione di beni culturali ad ampio spettro, includendo nello studio strutture architettoniche, archeologiche, pitture murali e lapidei.

Questo “nuovo approccio culturale e tecnologico”, che ha come fine ultimo la promozione del ‘territorio toscano’ nella sua più vasta accezione, tende a potenziare l’offerta ad alto valore aggiunto a livello nazionale e internazionale mediante il trasferimento tecnologico e a consolidare le specializzazioni esistenti in forme multimediali e multidisciplinari di visibilità, mediante una metodologia integrata per la diagnostica su beni culturali, mediata tramite strumenti multimediali fruibili dal vasto pubblico ed esportabili su scala internazionale.


next

Applicazione integrata, relativamente a un ‘sito pilota’, di metodologie innovative e metodologie tradizionali per la diagnostica e trattamento del patrimonio artistico e architettonico.

Coordinamento: FABERESTAURO

Questa fase del progetto si prefigge di utilizzare diverse metodologie di diagnostica e di delineare possibili strategie di intervento sul patrimonio artistico e architettonico in modo sinergico, ponendo a confronto i dati forniti da tecniche tradizionalmente impiegate con i risultati ottenuti impiegando metodologie più innovative, applicate a un medesimo sito del patrimonio storico artistico e architettonico toscano, di notevole valenza storico-culturale, il quale offra la possibilità di indagine applicata a beni culturali a ampio spettro, dalle pitture murali al lapideo fino alle strutture architettoniche e quelle sepolte.

In questo contesto il sito può essere visto come un sito pilota, dove operano in sinergia le competenze provenienti dall’intera filiera produttiva in modo da proporre un esempio di “cantiere innovativo”.


next

Ricerca industriale in modalità micro-cluster finalizzata al trasferimento tecnologico da ricerca a imprese.

Coordinamento: IFAC

Questo obiettivo operativo nasce con lo scopo di valorizzare concretamente il processo di aggregazione e cross-fertilizzazione avviato nell’ambito dell’Obiettivo Operativo 1 in modo da renderlo la base per una proficua attività di ricerca industriale finalizzata al trasferimento tecnologico da OR e PMI.

L’obiettivo operativo sarà organizzato in modalità micro-cluster, cioè organizzato come un insieme integrato di progetti di ricerca a sé stanti, ciascuno dei quali sarà focalizzato su un particolare aspetto delle tematiche e metodologie già toccate nell’ambito dell’Obiettivo Operativo 1. Esso andrà quindi a esplorare alcuni aspetti specifici di ricerca, che si inquadrano come argomenti di punta nel contesto dello stato dell’arte, assumendo però anche un aspetto di ricerca prettamente industriale grazie alla stretta collaborazione tra OR e PMI, e con lo scopo preciso di acquisire nuove conoscenze che saranno in futuro utili alla messa a punto di nuovo prodotti o servizi delle PMI coinvolte in ogni micro-cluster.


next

Messa a punto di una metodologia integrata, mediata da prodotti multimediali, per la correlazione delle informazioni tecniche e scientifiche e la valorizzazione del patrimonio culturale.

Coordinamento: CULTURANUOVA

Questo obiettivo operativo intende promuovere la condivisione e la correlazione delle informazioni digitali raccolte dai singoli componenti dell’equipe di indagine favorendone una fruizione diversificata nel tempo e in ambiti culturali diversi.
Per favorire l’integrazione delle informazioni raccolte dai partner di progetto, Culturanuova metterà a disposizione del gruppo di lavoro il sistema informatico Modus Operandi, un software modulare ed implementabile in base alle esigenze di ciascun settore disciplinare. Questo sistema consentirà al gruppo di lavoro archiviare, gestire e correlare tutte le informazioni raccolte nel corso delle indagini. Il progetto, inoltre, sarà occasione per delineare importanti linee di sviluppo dell’attuale sistema Modus Operandi.

L’applicazione a questa ricerca della piattaforma informatica Modus Operandi, permetterà di delineare criteri di condivisione e fruizione del materiale tecnico e scientifico raccolto nel corso del progetto. Tutti i soggetti coinvolti contribuiranno a delineare i criteri di lettura, correlazione, confronto e integrazione dei diversi risultati di indagine che verranno acquisiti ed archiviati in un unico sistema integrato. Quest’ultimo è da considerare come “patrimonio digitale” che deve poter valere oltre il cantiere, per la conservazione futura dell’opera, ma anche come materia prima per la divulgazione per mezzo dei più recenti strumenti di fruizione multimediale.

ModusExplorer

next

Disseminazione e sfruttamento dei risultati.

Coordinamento: SOING

Per la disseminazione e lo sfruttamento dei risultati saranno previste diverse attività le cui ricadute saranno innanzitutto un ritorno di visibilità per il progetto PRIMARTE e i risultati raggiunti, ma più in generale un notevole incremento della visibilità delle eccellenze imprenditoriali toscane nel settore dei beni culturali non solo su scala nazionale, ma anche internazionale, anche tramite azioni mirate (attività 4.4).

La disseminazione e sfruttamento dei risultati sarà implementato a diversi livelli di pubblico, da quello “globale” che utilizzerà il sito internet come fonte di informazione, a quello “interessato” che visiterà la mostra-evento, a quello “in formazione” che seguirà un corso di alta formazione professionale, fino a quello “internazionale”, che sarà coinvolto nell’attività specificatamente rivolta alla internazionalizzazione della nuova metodologia integrata messa a punto nel corso del progetto. Essa sfrutterà inoltre i mezzi più innovativi di comunicazione multimediale: il sito sarà reso aaccessibile da qualunque browser e periferica hardware in grado di navigare su internet (smartphone, tablet, web tv, ecc.), mentre altre funzionalità più avanzate saranno disponibili solo da piattaforme con sistema operativo desktop (PC, Notebook, Tablet PC).

Questo obiettivo vedrà tutti i partner coinvolti per il raggiungimento della divulgazione secondo i quattro principali tipi di fruitori sopra esemplificati. Gli eventi che si terranno sul territorio toscano saranno importanti sia per far conoscere la metodologia integrata che potrà essere messa a frutto su tanti altri Beni Culturali sia per la valorizzazione di un sito, sottoposto a vincolo per la sua importanza nel patrimonio culturale, ma per lo più sconosciuto al vasto pubblico, che potrebbe fornire nuovi spunti per percorsi turistici alternativi.


next
Privacy Policy